Stamina: illusione o realtà?

Davide Vannoni

Davide Vannoni

Il metodo Stamina è stato bocciato dal Ministero della Salute, la sperimentazione è stata interrotta e la comunità scientifica lo ha classificato come inconsistente e potenzialmente pericoloso. Eppure c’è chi continua a promuoverlo e c’è chi continua a parlare del trattamento di Davide Vannoni. Il riferimento, non casuale, è alla trasmissione televisiva Le Iene, ma anche a Edicola Fiore, l’esperimento web dello showman Fiorello (uno showman, non un ricercatore, non un medico, non uno scienziato, non un giornalista, bensì un bravissimo showman). Ospite della trasmissione di Fiorello è stato proprio il presidente di Stamina Foundation, Davide Vannoni, che continua a spingere verso il trattamento con cellule staminali, pur osteggiato dagli scienziati, a cui continuano a mancare le prove, e soprattutto i risultati. Secondo Davide Vannoni il metodo Stamina può essere efficace contro 120 patologie incurabili. Convinto lui…

Le Iene, dal 17 febbraio scorso, hanno mandato in onda ben 16 servizi riguardanti il metodo Stamina, portando avanti una campagna promozionale in favore della sperimentazione, e dando voce alle famiglie di bambini affetti da gravi malattie degenerative. Nel corso di questi mesi, però, non tutto è andato per il verso giusto a Davide Vannoni, e le cose, per lui, si sono complicate un bel po’. Il Ministero della Salute ha infatti deciso di non far partire la sperimentazione, dando un parere negativo alla documentazione presentata dallo stesso Davide Vannoni

Paolo Bianco, docente universitario della Sapienza di Roma, ha pesantemente accusato Le Iene di fare disinformazione. Già, Le Iene, trasmissione da molti idolatrata, ma che forse rappresenta l’esempio lampante di televisione – spazzatura e di un modo di fare giornalismo assolutamente diseducativo per chi si vuole approcciare al mestiere. Ed è facile essere d’accordo con Paolo Bianco, dato che, guarda caso, il signor Giulio Golia non si è mai preoccupato di dar voce in diretta al Ministero della SaluteDavide Vannoni iniziava a ricevere pesanti critiche, anche condivisibili, e il signor Giulio Golia, per tutta risposta, si preoccupava di dar voce solo a determinate persone, continuando a promuovere Stamina, illudendo i telespettatori, ma con quale cognizione di causa il signor Giulio Golia ha preso una posizione così netta? E’ stata data voce anche a gente dello spettacolo, da Adriano Celentano a Fiorello, da Gina Lollobrigida a Leonardo Pieraccioni, per lanciare strazianti appelli in favore di Stamina, ma con quale cognizione di causa? Forse sarebbe stato meglio continuare a cantare Azzurro, o imitare qualche personaggio famoso come il compianto Mike Bongiorno, o fare battute in toscanaccio e cinepanettoni, piuttosto che improvvisarsi scienziati ed esprimersi in maniera così netta su temi così scottanti. Eppure di scienziati pronti a commentare ce ne sarebbero, e anche tanti! Eppure c’è chi preferisce avere un parere da Fiorello o da Adriano Celentano. Meglio loro di tanti ricercatori e scienziati, vero Giulio?  

Quale sarebbe il vostro parere se un numero consistente di genitori disperati improvvisamente si convincesse che un Santone di nome Davide Vannoni possa risolvere il loro problema? Decideresti che è il caso di investire capitali pubblici sperando che il Santone abbia realmente poteri taumaturgici? Mmh…Forse ciò che fa apparire diverso il caso del metodo Stamina sta solo nel fatto che esso è stato ammantato da un’apparente pseudo scientificità. Ma in realtà, non è questo il caso. Qualcuno potrà anche asserire che il ricorso al Santone lascerà ancora la speranza, e che, parlando di malati terminali, tentar non nuoce. Ma la speranza verrà purtroppo sostituta prima o poi dalla delusione e, inevitabilmente, dal dolore. Se parliamo di speranza, dovremmo farci carico delle spese necessarie ad alimentare le speranze più disparate di ognuno di noi. Anche guardando solo il lato umano il problema è uno solo: i fondi per effettuare le ricerche non sono infiniti! Spinti da compassione, tutti noi potremmo anche decidere di andare comunque avanti con la sperimentazione, ma i fondi necessari verrebbero sottratti ad altre ricerche, forse più importanti e realmente efficaci. Probabilmente, chi ha dato lo stop alla sperimentazione l’ha fatto con dispiacere e con delusione. La delusione che prova chiunque abbia visto accendersi una speranza ma sia stato costretto ad arrendersi di fronte all’evidenza della sua irragionevolezza. Forse per Davide Vannoni sarebbe meglio farsi da parte, e dare spazio a veri medici e veri ricercatori. E forse Giulio Golia, cabarettista e imitatore, reduce dalle sue esperienze al Festivalbar, ai Cesaroni, a Tira e molla e a La sai l’ultima?, farebbe meglio a rispondere ad alcune domande, poste da veri scienziati e da veri ricercatori, come ad esempio quelli di Galileonet.

Ad esempio, nei suoi servizi ci ha mostrato alcuni piccoli pazienti in cura con il metodo Stamina. Dopo nove mesi e 16 puntate, perché non ha mai coinvolto le altre persone che Davide Vannoni dice di aver curato negli ultimi anni, invitandole a mostrare i benefici del metodo Stamina?

Perché non ha mai sentito la necessità di dare voce anche a quei genitori che, sebbene colpiti dalla stessa sofferenza, non richiedono il trattamento Stamina e anzi sono critici sulla sua adozione?

Perché non ha mai approfondito la notizia delle indagini condotte dalla Procura di Torino su 12 indagati, tra cui alcuni medici e lo stesso Davide Vannoni, per ipotesi di reato di somministrazione di farmaci imperfetti e pericolosi per la salute pubblica, truffa e associazione a delinquere?

Perché non ha mai interpellato nemmeno uno dei pazienti elencati nelle indagini della Procura di Torino?

Perché ha omesso ogni riferimento alle accuse di frode scientifica da parte della comunità scientifica a Davide Vannoni?

Dopo aver fatto riferimento alle cure compassionevoli, regolamentate dal Decreto Turco – Fazio, perché non ha spiegato che il decreto prevede l’applicazione purché “siano disponibili dati scientifici, che ne giustifichino l’uso, pubblicati su accreditate riviste internazionali”?

Se il metodo Stamina si dimostrasse inefficace, che cosa si sentirebbe di dire alle famiglie dei pazienti e all’opinione pubblica?

Perché prendere posizioni così nette, è veramente convinto della bontà di Stamina, o c’è qualcosa sotto?

Perchè il signor Giulio Golia non ha mai intervistato Carmine Vona,vittima numero 52 nelle carte dell’inchiesta di Torino? Stamina a Carmine Vona ha rovinato la vita, e Le Iene questo non l’hanno detto.

Fabrizio Bertè

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: