Cosmopolitalians – “L’ Australia oggi è casa nostra”

L’ospite di questa puntata di Cosmopolitalians è Francesca Cenatiempo, italo australiana di 54 anni, nata a Sydney da genitori ischitani, cresciuta in Italia, e tornata in Oceania nel novembre del 2012 con la sua famiglia.

Il primo voto australiano di Francesca, nel settembre scorso

Francesca, Cosmopolitalian from Gold Coast, al voto in Australia nel settembre 2013

L’Italia – “Sono una ex estetista ed ho iniziato a lavorare all’età di 18 anni. Prima di diventare consulente in una ditta cosmetica girando tutta Italia, ho lavorato in un grande albergo di Ischia, dove ho avuto modo di conoscere e toccare tanti vip. Sul lavoro, le cose sono sempre andate bene in passato: ho anche aperto il mio primo centro estetico a Mariano Comense, poi a Saronno e dopo sono ritornata ad Ischia, dove ho aperto anche il terzo beauty-center. Ho sempre lavorato tanto nella mia vita e a 35 anni, quando mi sono sposata, avendo poi tre figli (oggi di 17,13 ed 11 anni), non credevo avrei potuto avere problemi a vivere in Italia”.

L’Australia – “Essendo nata qui, questa è sempre stata un po’ casa mia. I miei genitori, però, dopo avermi messa al mondo, hanno preferito crescermi in Campania, dove credevo sarei rimasta a vivere e crescere anche i miei figli. Un paio di anni fa, ci siamo resi conto che la situazione economica italiana ed europea stava sempre più peggiorando, il lavoro scarseggiava e non intravedevamo futuro per i nostri figli.

Così abbiamo lasciato i piccoli da nonni e zie ed io e mio marito, nel 2005, abbiamo fatto il primo viaggio-vacanza in Australia: siamo stati a Sydney, ospiti da amici dei miei genitori, e dopo a Canberra ed Uluru. Dopo alcuni anni da quel viaggio, siamo andati a Brisbane dove il governo australiano ci ha trattato benissimo, tanto da convincerci a trasferire lì la nostra vita. Nel 2006, partiamo con biglietto di sola andata ma dopo 4 mesi, a causa della nostalgia di casa e la lontananza dalla famiglia, siamo ritornati. La mancanza di lavoro si faceva sentire, quindi abbiamo deciso di fare un investimento per i nostri figli e, un po’ a malincuore, di trasferirci definitivamente in Australia”.

New Italy, nel Queensland, nord est australiano

New Italy, nel Queensland, nord est australiano

La vita – “Vivo nella Gold Coast-Queensland (circa 800 km a nord di Sydney) dal novembre 2012 e, anche se può sembrare strano, mi ricorda un po’ Ischia. Ai nostri figli piace andare a scuola qui, la loro vita si svolge serenamente. Nonostante Sydney abbia una delle baie più belle al mondo, io e mio marito preferiamo vivere sulla Gold Coast piuttosto che nella city”.

Cosmopolitalians all’estero – “Qui non conosciamo praticamente nessuno ed io non parlo nemmeno inglese, quindi ho grandi difficoltà di relazionarmi se non con italiani o vecchi amici dei miei genitori. Adesso sto facendo il grande sforzo mentale di riadattarmi e cambiare vita dopo i 50 anni: vado a scuola di inglese, tento di ampliare le mie conoscenze perché voglio godermi ciò che ho attorno, pur ritenendomi fortunata, ad esempio, per non avere restrizioni sul periodo di soggiorno ed i tanti problemi di immigrazione che stanno avendo i nostri connazionali. Qui sarà il mio futuro e anche quello dei miei figli, perché, purtroppo, l’Italia non ci tutela né garantisce un futuro”.

Consigli per i giovani Cosmopolitalians – “Consiglio ai giovani di viaggiare, scoprire il mondo, imparare tante lingue, perché ci troviamo nello stesso periodo storico che hanno vissuto i nostri avi, i nostri nonni: quelli che partivano all’avventura per le Americhe o l’Australia con una valigia di cartone legata con gli spaghi e tanti sogni nel cassetto. Se l’Italia non ci dà un futuro, saremo allora noi a dovercelo andare a prendere, ovunque esso sia”.

Francesca e la sua famiglia, tifosa del Napoli, con alle spalle il Sidney Opera House

Francesca e la sua famiglia, tifosa del Napoli, con alle spalle il Sidney Opera House

@HermesCarbone

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

2 Responses to Cosmopolitalians – “L’ Australia oggi è casa nostra”

  1. Pingback: Cosmopolitalians – “In Germania da cinque anni per non crescere i miei figli nella terra dei fuochi” | Il nuovo

  2. Hopeless96 says:

    Bell’articolo. E bel sito. Sto spulciando di quà e di là vari articoli, e devo dire che mia sta prendendo molto. Chissà perchè non l’ho notato prima d’ora questo sito fantastico.

    “Consiglio ai giovani di viaggiare, scoprire il mondo, imparare tante lingue, perché ci troviamo nello stesso periodo storico che hanno vissuto i nostri avi, i nostri nonni: quelli che partivano all’avventura per le Americhe o l’Australia con una valigia di cartone legata con gli spaghi e tanti sogni nel cassetto. Se l’Italia non ci dà un futuro, saremo allora noi a dovercelo andare a prendere, ovunque esso sia”.

    Parole sagge. Me le devo scrivere in un foglio e appenderlo nella mia stanza, così che possa leggere sempre, e magari decidere finalmente di partire e vedere cosa mi riserva il futuro.
    Sono una ragazza di quasi 19 anni, sono maggiorenne da parecchi mesi, ma chissà perchè ho paura di fare il grande salto.. Spero che questa mia paura scompaia prima di perdere l’opportunità di cambiare la mia vita.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: