Eleonora Crupi: “Questa sono io”

Crupi2014Di Fabrizio Bertè – Il grande pubblico ha avuto il piacere di conoscerla in occasione della sua partecipazione al talent showAmici“, ma è stato successivamente che questa giovane cantante romagnola ha preso le luci della ribalta, facendo apprezzare la sua musica e la sua voce anche a chi non la conosceva.

Stiamo parlando della cantante Eleonora Crupi, nata a Parma il 9 gennaio del 1985.

Già da giovanissima, Eleonora ha capito che il canto era il modo più naturale ed istintivo di canalizzare le inquietudini e i turbamenti di una personalità estremamente sfaccettata come la sua, e dopo aver dedicato anni allo studio, facendo tanti sacrifici, ha finalmente preso consapevolezza dei propri mezzi.

 Eleonora, così, provò a partecipare al noto talent showAmici“, condotto da Maria De Filippi, e già dai provini è emersa la sua tenacia, ma soprattutto il suo talento innato nell’interpretazione.

Nel 2005 entrò a far parte della quinta edizione del programma (vinta poi dal ballerino Ivan D’Andrea, n.d.r.), ricevendo attestati di stima dai compagni, dai professori e soprattutto dagli spettatori. In pochi mesi diventò uno dei volti e delle voci più amate dal pubblico, tanto da conquistare la finalissima del programma (assieme alla cantante messinese Rita Comisi, all’attore Andrea Dianetti,  e ai ballerini Ivan D’Andrea e Raffaele Tizzano, n.d.r.). Terminata l’esperienza nella scuola, Eleonora partì per un lungo tour nei locali e nelle piazze di tutta Italia, dove ebbe modo di esibirsi cantando cover di artisti italiani e internazionali.

Il percorso di crescita artistica di Eleonora proseguì con due date molto importanti: il 2006 è l’anno in cui partecipò allo spettacolo teatrale “Lungomare“, scritto da Maurizio Costanzo insieme ad Alex Britti, calcando con successo i palcoscenici teatrali di tutta Italia; il 2007, ad ulteriore conferma delle capacità di Eleonora, è l’anno del lungo tour di “A un passo dal sogno“, e per oltre sette mesi la cantante romagnola partecipò come co-protagonista nel musical campione di incassi della stagione teatrale 2007/2008. Nel frattempo ha preso vita ad un progetto musicale indipendente, il duo femminile de “Le Holograms“, che ottiene apprezzamenti e migliaia di visualizzazioni sul web.

Dopo un periodo di riflessione, nel 2009, Eleonora matura la convinzione che quello dell’interprete solista è il vestito che meglio le calza addosso, e mentre continua a studiare e affinare la sua capacità di scrittura, inizia una ricerca di giovani e promettenti autori ispirandosi alla tradizione delle grandi interpreti italiane (Loredana Bertè, Mia Martini, Fiorella Mannoia, Anna Oxa, Ornella Vanoni, n.d.r.). Il suo singolo di debutto si chiama “Negroni“, ed è una canzone irriverente e allo stesso tempo malinconica. Dietro al connubio tra pop, rock ed elettronica del brano, c’è la voglia di Eleonora di staccarsi da alcuni stereotipi televisivi e musicali italiani, sperimentando nuove strade. Il video, nel quale Eleonora canta vestita da sposa in una bara, viene trasmesso dalle maggiori emittenti televisive musicali (All Music, Match Music, Music Box, n.d.r.).

Nel 2010 prende il via un tour che la porta ad esibirsi in chiave acustica ed elettrica in piazze, eventi e locali italiani. Inoltre, partecipò al concorso, organizzato dall’accademia di Sanremo, “Area Sanremo“, con “Bastava“, brano scritto da Niccolò Agliardi, autore di punta della discografia italiana (negli ultimi anni ha firmato pezzi per Laura Pausini, Eros Ramazzotti e Irene Fornaciari, n.d.r.), e Massimiliano Pelan. Vinse la manifestazione, ma non venne successivamente scelta per gareggiare nella sezione “Giovani” del Festival di Sanremo.

Nel 2011 Maria De Filippi, in collaborazione con Mara Maionchi e Platinette, dà vita al concorso “Io ci sono“, all’interno del talent show “Amici“. Oltre cinquanta cantanti delle passate edizioni del programma vengono convocati per i provini (tra cui Pasqualino Maione, Antonino Spadaccino, Francesco Capodacqua, Giulia Franceschini, Silvia Olari, Piero Romitelli ed Enrico Nigiotti, n.d.r.) e sei saranno scelti da Mara Maionchi e da Platinette per sfidarsi tramite il download gratuito dei loro brani sul web. Eleonora Crupi fu scelta tra i sei finalisti, e presentò una sua reinterpretazione di “Perfetti“, canzone sulla storia d’amore tra due ragazzi gay, scritta da Niccolò Agliardi e Simone Bertolotti. Forte è infatti il desiderio della ragazza di dare, nel suo piccolo, un chiaro messaggio contro l’omofobia e la violenza. Il concorso “Io ci sono” fu vinto dal cantante Antonino Spadaccino, ma il brano “Perfetti“, di Eleonora Crupi, ebbe un grande successo, e fu girato anche un videoclip della canzone che in pochi mesi superò le 60.000 visualizzazioni.

A novembre del 2011 esce il nuovo lavoro di Laura Pausini, “Inedito“. Il disco contiene “Bastava“, il brano che Eleonora aveva presentato alla sezione “Giovani” del Festival di Sanremo l’anno prima; è stata lei stessa a proporlo a Laura Pausini, pensando che un brano così importante meritasse maggiore visibilità ed attenzione di quella fino a quel momento avuta. Laura Pausini, entusiasta, ha reinterpretato e inserito il pezzo nel suo disco, lanciandolo come terzo singolo e spendendo parole di stima e di ammirazione nei confronti di Eleonora Crupi, definendola “un meraviglioso talento musicale italiano“.

A dicembre del 2011, Eleonora presenta un nuovo brano alla sezione “Giovani” del Festival di Sanremo, “Questa sono io“, canzone scritta da Alfredo Serafini, che già aveva firmato il suo singolo di debutto.

Nonostante la canzone non abbia avuto accesso al Festival di Sanremo, entrò nella classifica dei 40 brani più scaricati su “iTunes“, e il videoclip che lo accompagna, raggiunse le 20.000 visualizzazioni in una settimana, arrivando a superare le 100.000 visualizzazioni in pochi mesi.

Dopo “Questa sono io“, Eleonora Crupi decise di prendersi una lunga pausa per dedicarsi a sua figlia, continuando nel frattempo a raccogliere canzoni per il suo primo disco.

Dopo quasi due anni, tutti i tasselli del mosaico prendono il loro posto, ed Eleonora ha finalmente trovato e, in alcuni casi scritto, tutti i brani che faranno parte del suo primo disco.

Nell’ottobre del 2013, con la produzione esecutiva di Massimiliano Longo e quella artistica di Tony Pujia (già produttore di alcuni degli album di maggior successo di Samuele Bersani), Eleonora si chiude in studio di registrazione per dare vita al suo primo album, che uscirà nel 2014, anticipato da un singolo in primavera.

Abbiamo contattato Eleonora Crupi, che ha rilasciato un’intervista in esclusiva per “Il Nuovo – Quello che gli altri non dicono” (ilnuovo.me), raccontando qualche curioso aneddoto sulla sua carriera e parlando di sé a 360 gradi.Crupi banner

Questa sono io“, un brano che racconta di te, e che descrive al pubblico chi è veramente Eleonora Crupi.

Proprio così. E’ un brano che per me è stato molto importante, e lo è tuttora. E’ stato scritto da Alfredo Serafini, che è stato molto bravo a cucirmelo addosso, usando volutamente parole semplici. Mi aveva detto esplicitamente che il suo scopo principale era quello di capire chi era realmente Eleonora Crupi, in modo tale da poterla raccontare, e credo ci sia riuscito veramente molto bene. Eleonora Crupi è una giovane madre, che tenta di raggiungere il proprio sogno, e che prova ad affermarsi nel mondo della musica. Il canto è la mia passione, sin da bambina, ed è sempre stato il mio sogno trasformare questa mia passione in un lavoro vero e proprio“.

Nel 2010 hai tentato di accedere alla sezione “Giovani” del Festival di Sanremo con il brano “Bastava“. Come è nata questa canzone? Secondo te perché non è stata ammessa a quella che è la più grande kermesse italiana?

E’ una canzone bellissima, che parla di un determinato momento della mia vita e di un mio stato d’animo. Il brano è stato scritto da Niccolò Agliardi, con la collaborazione di Massimiliano Pelan. Appena l’ho ascoltato, mi sono emozionata tanto, e mi sono anche commossa. Uscivo da una storia d’amore esattamente identica a quella che la canzone racconta, e mi sentivo addosso ogni parola, come una seconda pelle. Mi è piaciuta talmente tanto che ho deciso di proporla al Festival di Sanremo, perché credevo ciecamente nelle potenzialità del brano, e anche nelle mie. Sono arrivata in finale, ad un passo dal sogno, ma alla fine non so perché non è stata scelta“.

Poi è arrivato il fulmine a ciel sereno. Laura Pausini incide “Bastava“, inserendola tra le tracce del suo ultimo disco, “Inedito“, e lanciandola come terzo singolo. Come è nata la tua collaborazione con Laura Pausini?

E’ stata una gioia immensa. Dopo il no al Festival di Sanremo, infatti, ero un po’ scoraggiata, e non sapevo cosa fare e su cosa concentrarmi. In quel momento Niccolò Agliardi stava lavorando ai brani del nuovo disco di Laura Pausini, e mi venne istintivo chiedergli di farla sentire a lei. Qualche settimana dopo mi chiamò per dirmi che Laura Pausini trovava la canzone stupenda, e che era rimasta particolarmente colpita dalla mia voce. Mi disse che le sarebbe piaciuto inserirla nel suo nuovo album, e per me fu una gioia pazzesca. Con lei ci siamo poi scritte diverse volte, e ci siamo conosciute di persona al Forum di Assago per il suo concerto, dove mi ha invitata a duettare con lei. E’ stato veramente bellissimo e parecchio emozionante, e porterò sempre nel mio cuore quel ricordo. Un giorno, quando mia figlia sarà grande, le racconterò con orgoglio che sua madre ha duettato con Laura Pausini, una delle più grandi cantanti al mondo“.

Ti avrà fatto uno strano effetto sentire “Bastava“, una tua canzone, cantata da Laura Pausini.

Beh, si, decisamente. Ma Laura Pausini è una cantante straordinaria, ed è stata bravissima. La canzone, a parer mio, è un capolavoro, e dopo la delusione del Festival di Sanremo avevo paura che potesse  finire nel dimenticatoio, ma fortunatamente non è stato così. Oggi, sentire questo brano cantato da Laura Pausini, mi riempie di gioia e di orgoglio“.

Che ricordi hai della tua partecipazione al talent showAmici“, condotto da Maria De Filippi?

Ho un bellissimo ricordo, perché comunque mi ha permesso di farmi conoscere al grande pubblico, e mi ha dato modo di approcciarmi al canto e alla musica in maniera molto più professionale e costruttiva. E’ stata una bella esperienza, che sicuramente rifarei. Mi dispiace solo che ci sia sempre un po’ di diffidenza e di scetticismo nei confronti di chi partecipa ad un talent show“.

In futuro ti piacerebbe tentare un’esperienza all’estero?

Si, certamente. E non perché non ami l’Italia, ma perché ritengo sia giusto ampliare i propri orizzonti e le proprie conoscenze. Da ogni esperienza si può imparare qualcosa“.

Nel 2011 hai preso le luci della ribalta presentando il brano “Perfetti“, una canzone molto orecchiabile e di impatto, che racconta una storia d’amore tra due omosessuali. Nel tuo piccolo, hai voluto mandare un chiaro messaggio contro l’omofobia e la violenza, e ci sei riuscita alla grande.

Si, il mio intento era questo. Il brano racconta una storia d’amore tra due ragazzi dello stesso sesso, e per me è un vero manifesto contro l’omofobia. D’altronde, tramite l’amore si può arrivare a trattare temi molto importanti, ed è proprio quello che ho voluto fare io con questa canzone. Parlo di amore, in maniera allegra e spensierata. E’ una canzone raccontata da me, ma il bello è che chiunque può rispecchiarsi in un testo del genere, dunque anche un ragazzo omosessuale. Siamo nel 2014, ed è veramente assurdo che, ancora oggi, vengano fatte discriminazioni in tal senso. La mia speranza è quella di non sentire mai più notizie come quella di un ragazzo costretto a suicidarsi per via del suo orientamento sessuale. Nessuno al mondo dovrebbe sentirsi così solo, soprattutto per una ragione del genere. Credo in un mondo nel quale due persone dello stesso sesso possano ridere, ma anche piangere assieme“.

Progetti per il futuro?

Attualmente sto lavorando al mio disco, che dovrebbe uscire verso la fine del 2014, e sarà anticipato da un singolo. Per quel che riguarda il singolo, non abbiamo ancora scelto quale sarà il brano che lancerà il disco, ma nelle prossime settimane potrebbe esserci qualche novità. Il lancio del singolo avverrà in primavera, dopo il Festival di Sanremo, e nel periodo estivo partirà il mio tour, e non vedo l’ora!

In bocca al lupo, Eleonora!

Crepi il lupo!

Ecco, di seguito, il link del brano di Eleonora Crupi, “Perfetti“.

Fabrizio Bertè

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: