Cosmopolitalians – “Da Mediaset al cinema con Woody Allen, oggi la mia vita continua negli States”

L’ospite della 18esima puntata di Cosmopolitalians è Fabio Massimo Bonini, 55 anni, noto attore televisivo, oggi imprenditore tra Miami e le Barbados. Dagli inizi nelle radio libere degli anni ’70 al film con Woody Allen. Una vita tra fiction ed un sogno chiamato USA.

Fabio Massimo Bonini

Fabio, Cosmopolitalian from Miami dal 2012

L’Italia – “Iniziai a lavorare da ragazzo in quelle che erano allora le radio libere liguri. Era un periodo di grande fermento per tutto il settore: tantissimi erano i posti da cui si trasmetteva anche con pochi mezzi che raggiungevano però tante persone. Se in Liguria mi feci conoscere, a Milano riuscì ad affermarmi su Radio Peter Flowers. Da lì sentì la necessità di studiare e diventare anche un attore. Il passo dallo studio di recitazione al teatro fu breve, grazie anche al mio maestro che mi condusse step by step verso questo mestiere. In teatro riuscì a farmi notare e iniziai a lavorare in “Casa Vianello”, “Nonno Felice”, sitcom e pubblicità, di cui mi occupo ancora oggi. Entrai nel club delle pochissime voci della pubblicità, che dava vita agli spot di Tv e radio. Negli anni ’80 erano forse una ventina le voci conosciute.
Ho vissuto a Milano per quasi 28 anni. Ultimamente ho maturato un senso di delusione nei confronti del nostro Paese ed incompatibilità col mio carattere. Se da giovane Milano è perfetta, da adulto può diventare un incubo.
Approfittando di una situazione in cui ero single, dopo tanti anni, ho deciso di andare a vivere ai Caraibi, dove avevo degli amici. Mi sono convinto che Barbados sarebbe stata la mia nuova vita, senza preoccuparmi di tutto il resto. Sono partito all’avventura, caricando un container, iscrivendomi all’AIRE, portando avanti l’imprenditoria in Italia. A Modena, infatti, produco l’aceto balsamico tradizionale di Modena, che distribuisco a chef stellati e solo in alcuni dei migliori ristoranti al mondo. Da italiano, una enorme soddisfazione è stata essere scelto da Woody Allen per interpretare il ruolo di Max in ‘To Rome with love'”.

Fabio Massimo Bonini in compagnia di Woody Allen in occasione delle riprese di 'To Rome with love'

Fabio Massimo Bonini in compagnia di Woody Allen durante le riprese di ‘To Rome with love’

Miami – “Sono qui grazie ad Elisabetta, il mio grande amore. Lei vive in Florida da tanto tempo in un’isoletta a due passi da Miami. Avevo conosciuto questa città già 30 anni fa, quando lavoravo come dj sulle navi da crociera. È un luogo ideale in cui poter vivere: caldo tutto l’anno, possibilità di sviluppare realtà imprenditoriali e portare avanti il mio lavoro da attore. Miami è una città per tutti, ma negli ultimi anni il costo della vita è aumentato. La città sta esplodendo, è in espansione: si prevede l’arrivo di diversi milioni di persone in poco tempo. È comunque una città del sud, una sorta di grande paese del sud America in cui batte la bandiera americana, con ritmi cubani nella musica e nel quotidiano. È l’unica città negli States in cui non esiste inquinamento: i forti venti dell’Atlantico spazzano via tutto proprio perché la Florida non ha grandi montagne. È una città con spazi e ritmi a misura d’uomo. Adesso vivo tra Barbados e Miami e mi ritengo un uomo fortunato: grazie a mia figlia, nata da un mio matrimonio precedente, ho ottenuto la green card e posso vivere qui senza alcun problema. Nonostante negli States ci sia stata la crisi, qui adesso è ripartito tutto. Funziona la legge, e funzionano anche gli uffici pubblici. Nel frattempo, ho iniziato a produrre un film in italiano ed inglese per un’azienda leader nel mondo della nautica, lavoro per l’Italia con delle pubblicità e cerco di godermi le gioie che la vita mi regala. Da quando sono qui, l’unica cosa che mi chiedo è perché non abbia lasciato prima l’Italia”.

Fabio Bonini

Fabio con alle spalle il mare delle Barbados, nei Caraibi

Cosmopolitalians all’estero – “Sono stato accolto a braccia aperte dagli amici della mia compagna, e sempre loro mi hanno aiutato a conoscere la realtà americana fatta di sogni ma anche di grandi realtà. È bello stare con italiani, ma che senso ha venire qui e non apprezzare le tradizioni del luogo, non parlare la loro lingua? È fantastico integrarsi coi locali, ed è un consiglio che mi sento di dare anche a tutti gli altri italiani nel mondo”.

Giovani Cosmopolitalians – “Il momento in Italia è difficile ed è palese, ma molto dipende anche dai giovani.
Se i ragazzi non fanno nulla nella loro vita ed hanno voglia di crearsi un futuro e delle prospettive, consiglio loro di tentare un’esperienza all’estero. Credo che negli States ci sia un entusiasmo incredibile, percepisci ciò che avviene. Sarebbe questa un’ottima realtà in cui arrivare per costruire. La principale difficoltà, che non scopro certo io, è ovviamente la green card.
Se sei veramente in gamba, però, all’estero ti prendono, ti danno fiducia e ti consentono anche di assumere ruoli dirigenziali. Cosa state aspettando?”

@HermesCarbone

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: