Erotica(mente) – Ecco perché l’estate è il miglior momento per fare sesso

Bentornati ragazzi, dopo questa piccola pausa estiva che spero sia stata per tutti il massimo del relax. Sto scrivendo col riverbero di uno degli ultimi tramonti estivi che mi potrò godere prima di tornare alla vitaccia di tutti i giorni. Vorrei dirvi che mi siete mancati ma, ahimè, ero sempre sbronza o occupata a fare palestra, per cui mi sono (quasi) completamente scordata di voi.

imageEh sì, perché l’estate è una stagione magica e tutti siamo impegnati con i nostri casini. Speriamo che non siano a lungo termine, del tipo che tra 9 mesi ci troviamo la cicogna che bussa alla porta. Avete usato tutti i profilattici, vero?! Io penso di essere diventata allergica, mi è venuta una cistite tremenda. Così sono costretta a tenermela nella mutande ma tanto meglio, considerando che il mio scopamico è tornato da dove è venuto e tanti saluti (purtroppo).

In effetti, per questo ritorno della rubrica, vorrei proprio parlarvi delle storie estive. Mamma mia, ragazzi, quanto sono belle le storie estive? Semplici, piene, brevi e disinibite. Della serie che in 10 giorni si scopa per fare le scorte di ricordi con cui masturbarsi durante i lunghi periodi di carestia invernale.

Quelli che hanno veramente culo trovano l’amore che prosegue pure di inverno, magari quella stella cadente che è passata mentre si urlava sulla spiaggia ha realizzato un desiderio. Altri si accontentano del ritorno del proprio amichetto speciale una volta al mese e va bene così (anche se, per la legge di Murphy, probabilmente, durante quei giorni, arriverà puntuale il ciclo). C’è chi soffrirà pensando che era l’amore della vita e chi ci farà un pensierino su quella persona, chissà.

Qualunque siano le dinamiche, in mezzo ci sarà tanto sesso sudato e clandestino. Assolutamente sperimentale, considerando che ogni luogo è buono per farlo: dagli scogli, alla spiaggia, al mare, agli angoli spinosi. Ho chiesto apertamente in spiaggia ai miei amici cosa ne pensano e loro se ne sono usciti parlando di bagni sudici, piazzole deserte dove la macchina si è impantanata e barche dove si sono visti extracomunitari dormire serenamente.image

La foga del momento, sembrerebbe, riesca a scatenare toccatine improvvisate e nascoste nei sedili posteriori della macchina dell’amico mentre si torna a casa da quel locale dove tutto è iniziato. Per non parlare degli orari: un ”ti sto passando a prendere” può arrivare alle 6 del mattino e tu torni a casa alle 9, mezzo moribondo ma anche abbastanza soddisfatto.

È come fare una gigantesca orgia, considerando che di avventure ognuno di noi ne ha varie. Inconsapevolmente si fa sesso con persone di vario sesso, etnia e razza. E’ un sesso reale: nessuno è agghindato e mascherato dal trucco come d’inverno. Siamo tutti “nature”. E’ un sesso coraggioso: vengono sacrificate verginità di ogni tipo, da quella standard al lato b, fino alla boccuccia di rosa. Ci si lascia andare, c’è poco da fare; la lascività più bella dell’interno anno.

Il sole è tramontato e mentre mi perdo nella nostalgia dei miei ricordi estivi, vi lascio ai vostri. Raccontatemi le vostre di storie nella mia pagina Facebook che troverete cliccando qui. Noi ci leggiamo puntuali ogni lunedì. Perché il miglior sesso, ancora deve venire. Bentornati! Peace&Love.

Ester Rubino
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: