La Calle por… Los Andes, el Hatillo, Pico Bolívar e Mérida  

Come ogni mercoledì eccoci qui a parlare di America Latina. La scorsa settimana vi ho fatto sognare con le spiagge e l’acqua cristallina del Venezuela. Oggi, invece, parlerò dei paesaggi mozzafiato di questa terra, ovviamente, se non soffrite di vertigini e volete provare l’ebrezza dell’altitudine.

Ci troviamo nella zona nord del Venezuela, partiremo dal Massiccio Andino che si trova in un sistema di montagne chiamato “Cordigliera Orientale delle Ande” fino ad arrivare al Pico Bolivar (5007 m.s.l.m), la cima più elevata della Cordigliera di Mérida.

Agli appassionati di cultura consiglio di visitare Mérida, la capitale dello Stato omonimo, definita “la città degli studenti” perché ospita un polo universitario, è caratterizzata da strade e casette tipiche. La temperatura varia dagli 0°C della Sierra, dove è possibile sciare e ammirare il paesaggio dalla teleferica, fino ai 28°C.

10933299_10204368301381122_1108033592_n

Nel centro storico si possono  dalla piazza Bolivar la Casa della Cultura con esposizioni temporanee di artisti ed artigiani locali e l’edificio dell’Università delle Ande che accoglie il Museo Archeologico. Con una passeggiata di circa 20 minuti si raggiunge l’allegro e variopinto Mercato Principale con vari ristoranti economici e bancarelle di frutta, ortaggi, spezie ed interessanti oggetti di artigianato. E i golosi potranno fare una sosta alla gelateria Coromoto, che è entrata nel Guinness dei primati per i 750 gusti differenti prodotti.

Nella zona sud-est della città di Caracas potrete ammirare invece, El Hatillo, un piccolo borgo che è stato dichiarato Patrimonio culturale del Paese. Ha conservato le tipiche abitazioni venezuelane, con le mura di colori intensi. Qui, una volta all’anno si svolge un festival di musica nel quale vengono presentati i cantanti più famosi del Paese che dura più di due settimane. Poi, passeggiando per le stradine del borgo è possibile ammirare i negozi che mostrano oggetti costruiti artigianalmente e mobili in stile rustico.

churros

Per quanto riguarda la cucina, qui si possono trovare sia piatti tipici sia internazionali ma la caratteristica de El Hatillo sono i Churros. Questi dolci a forma di bastoncini intrecciati che vengono fritti, cosparsi di zucchero e bagnati di cioccolata o sciroppo ai frutti di bosco. Altre specialità della cucina venezuelana sono “Tunjas” dette anche Acemitas, sono dei panini dolci, di forma rotonda realizzati con cannella e vaniglia. Los Cachitos, invece, sono dei panini piccolo ma allungati che vengono venduti nelle tipiche panetterie e si mangiano per colazione o spuntini.

Ragazzi spero di avervi fatto sognare e immaginare delle vedute da paura. Mi raccomando estamos en contacto!

Mariella Roberto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: