Erotica(mente) – Festa delle Donne: voi come l’avete passata?

Ieri era la festa della Donna ed essendo il mio un blog al femminile, per quanto cerco di interpretare e comprendere il meravigliosamente sempliciotto mondo maschile, è giusto che anche io ne parli.

we-can-do-it

Anche perché, in ogni relazione di qualsiasi tipo, ci sarà sempre una donna che accuserà un uomo di non averle regalato la mimosa (comincio a capire il perché di questo fiore: mimiamo benissimo lacrime e crisi isteriche, nonché orgasmi sbronze e quant’altro). Sempre. E, come sempre, i maschietti non avranno scampo: che sia una sorella, una madre, la migliore amica, la cugina di 56esimo grado con cui si è cresciuti; non ha importanza. Sarà una donna che vuole una maledetta mimosa nel maledetto 8 marzo.

In questi giorni ho potuto osservare schemi diversi di donne che, con motivazioni diverse, dichiaravano il loro diritto di fare quel che cavolo volevano in questo giorno. Indi per cui, ho riassunto il tutto in 3 meravigliose categorie: 1- le accanite femministe che , per l’occasione, dichiarano di amare solo donne e, pertanto, acquisiscono atteggiamenti omosessuali dicendo che vogliono esserlo in quanto gli uomini sono inutili. Ovviamente solo per quelle 24 h, eh, per carità. Inoltre accusano tutte un’elevata misandria. Però, pur odiando a morte questi poveri uomini, si sono recate in branco a serate SOLO PER DONNE dove la principale attrazione erano gli spogliarelli maschili. Level: Coerenza portami via;

2- quelle che ‘’la donna deve essere festeggiata tutti i giorni’’, ed io mi chiedo perché gli uomini no. Dai, siamo onesti, non è che tutti i portatori di pene sono dei maschilisti pazzi violentatori necrofili omicidi. Diamoci una calmata! Comunque, pur dicendo che bisogna essere festeggiate tutti i giorni e che una mimosa non cambia il valore di una donna, ad oggi il necrologio ha dovuto prendere metà Gazzetta del Sud;

3- quelle che hanno capito tutto. Una volta che questa è divenuta una ‘’festa’’ allora facciamoci festeggiare. Dagli uomini, dunque, non di certo da altre donne. Io donna indipendente voglio essere festeggiata dal mio uomo con sesso, candele, mimose, vino e chi più ne ha più ne metta. E se questo uomo non c’è, allora faccio gli auguri alle donne che mi stanno vicine e tanti saluti, è una domenica come le altre.Festa-della-Donna

Questo doveva essere il concetto di partenza: se è una festa festeggiamo. Sono i presupposti di base ad essere sbagliati. Ho fatto una ricerca su tale giorno ed ho trovato questo articolo molto bello dove viene cercata la radice storica della nascita di questa festa. Ed ho capito che è errato chiamarla festa ma dovrebbe essere un giorno commemorativo, qualsiasi essa sia la ragione della sua nascita.

Ma, appunto perché sono le basi ad essere assolutamente fraintese, è una festa. Ed io, Donna, voglio essere festeggiata dall’unica persona che può veramente, per un giorno, ringraziarmi di essere le sua magnifica donna: il mio Uomo. Voglio essere festeggiata sentendomi bella, amata, forte, brava, coraggiosa, intelligente. E, per quanto me lo possono dire le mie amiche, i miei genitori e chiunque altro, sarà solo lui a potermi fare sentire tale.

Per quanto riguarda me, Ester, io ho festeggiato quella fantastica donna che è mia madre in quanto (e lei impreca tutti i santi anni per questo motivo) è nata in questo infausto giorni di delirio. E, in mancanza di un uomo, ho mandato un messaggio alle mie donnine che fanno divertire me, e da qualche mese voi, ogni giorno. E sì, dai, mi ha fatto piacere il messaggino tenero dei miei amichetti maschi (per quanto Alfredo non è d’accordo sull’esistenza dell’amicizia maschio- femmina, ma questa è un’altra storia).

Oggi è Lunedì. Io non so voi, alla fine, in realtà, cosa abbiate fatto ieri. Ma da buona Blogger di Erotica(mente), dopo che ho trattato in queste righe la nostra (mente), spero di aver suscitato emozioni nuove che vi portino a cercare del sesso sfrenato impregnato di vino dalla vostra meravigliosa donna per ringraziarla dei suoi sacrifici e delle sue attenzioni.

o-EXPOSE-570

E auguri a tutte voi, auguri alle vostre gigine che sopportano sangue e fanno uscire da pochi cm delle teste enormi, auguri alla vostra enorme pazienza, auguri alla splendida capacità multitasking che avete di accudire casa figli mariti e chi più ne ha più ne metta; auguri a voi che sopportate tacchi e trucco, auguri a voi che sapete prendere a gomitate per fare carriera quando un uomo decide di imporre la sua imbecillità, auguri a voi che siete ancora in grado di preparare il caffè la mattina e uscire sorridendo, auguri alla nostra femminilità.

Ma, Ester, era ieri la festa della Donna! Ma non abbiamo detto che deve essere tutti i giorni?

Buona Festa della Donna a tutte.

Peace&Love,

Ester Rubino
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: