#QuiScozia – Una vita a suon di pounds

Nei preparativi di una partenza, che sia una vacanza o un’avventura a tempo indeterminato, c’è sempre qualche domanda da cui non si può prescindere. Tra le tante una di quelle che non manca mai, soprattutto di questi tempi, è “Ma quanto costa la vita lì?”. La Scozia, come tutto lo UK, non è una meta particolarmente cheap. A rincarare la dose ci si sta mettendo anche l’abbassamento del valore dell’Euro contro il Pound, quindi pur mandando migliaia di Euro sul conto UK ci si accorge, una volta arrivati, che in fondo ci aspettavamo qualcosa in più.

In Scozia il costo della vita non è una costante ovunque si vada. Le città che si attestano più costose sono Edinburgh a causa dell’alto flusso turistico ed Aberdeen grazie al generale benessere ed alla quasi assenza di disoccupazione. Glasgow, al contrario, ha subito solo negli ultimi 15 anni un progetto di sviluppo turistico che cerca di far diventare quello che una volta era uno sviluppo prettamente industriale in una città anche bella da vedere. Per questo il costo della vita, a Glasgow e nel resto del paese, rimane più basso.

Ma andiamo nel dettaglio. La prima cosa da fare è cercare di non ragionare in Euro. È ovvio che facendo il paragone tutto pare più costoso, ma è anche vero che gli stipendi li pagano in Pound. Nonostante questo, la moneta britannica mantiene un potere d’acquisto superiore all’Euro. Se infatti uno stipendio da 1.200€ ti va sempre strettissimo in una città come Milano, Firenze o Roma, ad Edinburgh o Glasgow 1.200£ ti permettono di vivere dignitosamente, lasciando spazio a qualche sfizio e con una camera in centro. Oltretutto, grazie alla bassa tassazione (il 20% oltre i 10.000£ all’anno, sotto i 10.000 è tax free) su uno stipendio annuale di 20.000£, considerato stipendio di partenza in un normale lavoro di ufficio, 18.000 vanno dritti nelle vostre tasche. Facendo due calcoli sono 1.500£ al mese, e quando li cambierete in Euro per andare in vacanza vi sembreranno molti di più.

Il costo della vita reale è legato ovviamente alla qualità della vita che si conduce pound scozzi e dipende esclusivamente da quello. C’è infatti una larga gamma di supermercati tra cui scegliere, dai dispendiosi Waitrose, Marks & Spencer e Sainsbury fino ai più economici (ma non per forza peggiori) Asda, Lidl e Morrison. Quest’ultimo in particolare ha la miglior qualità/prezzo, oltre che la miglior carne del paese. Anche i ristoranti sono sulla falsa riga dei supermercati, e spesso è facile trovare ottime offerte nei più centrali grazie alla forte concorrenza, specialmente nelle alte stagioni turistiche.

Il costo dei mezzi pubblici non si differenzia molto di città in città, ciò che cambia è soprattutto il fatto che a Glasgow è inclusa la metropolitana, ma si sta intorno ai 50£ al mese (40£ per studenti e over 60) per un servizio sempre garantito e funzionante. E dimenticatevi gli scioperi del Venerdì di Trenitalia, qui fanno un giorno di sciopero all’anno continuando a garantire alcune linee. Se invece viaggiate in 4 e non avete abbonamento, probabilmente il taxi non vi costerà molto di più del 1.50£ a testa del bus, senza sovrapprezzo notturno o di chiamata.

Alcuni servizi sono poi completamente gratuiti. Ai bancomat, non importa dove abbiate il conto purchè sia in UK, le commissioni non esistono e tutti i servizi bancari all’interno dello UK sono gratuiti. Anche aprire il conto è gratuito, basta esibire un documento e dare il proprio indirizzo UK. Altro servizio gratuito è il sistema sanitario, gestito a livello zonale dagli Health Centres. Questo fa si che il vostro “medico di famiglia” non disti mai più di due miglia da casa. È inoltre illegale chiedere soldi per procurarvi lavoro (se lo fanno state certi che è una fregatura) ed il minimo sindacale è stato da pochi mesi alzato a 6.50£/ora in tutta la Scozia. Neanche a dirlo, gli unici che pagano in nero sono i ristoranti italiani.

Per quanto riguarda lo svago, devo dire a malincuore cinema e teatro sono costosi. È difficile trovare una proiezione a meno di 8£, ma ci sono i modi per risparmiare. Molti cinema offrono good deals so groupon ed a teatro, il giorno dello spettacolo, vendono i biglietti rimasti a 10£. L’entrata nei club invece è spesso gratuita e, salvo eventi particolari, difficilmente supera gli 8£.

Insomma, preparatevi a mettere spesso mano al portafogli se venite qui in vacanza, ma se trovate un lavoro fisso non avete davvero di che preoccuparvi.

teatro

@FrenkDeFlumeri

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: