“Un modo diverso per trasferirsi in Australia? Tramite l’università”

Mi chiamo Claudia Arici ed ho 28 anni. Quattro anni fa ho deciso di emigrare in Australia per amore, per avere più opportunità di lavoro e una qualità di vita migliore rispetto all’Italia. Ho lasciato la mia Milano con un biglietto di sola andata e tante speranze nella valigia.

Come i tanti, tantissimi italiani che ormai si trovano quaggiù, sono arrivata down under con il classico visto vacanza lavoro, e sapevo che mi avrebbe aspettato un anno non facile dal punto di vista lavorativo: la clausola dei 6 mesi massimi per un singolo datore di lavoro è sicuramente una spina nel fianco per chi vuole trovare un lavoro che non sia nel mondo della ristorazione! Ma come tutte le persone di buone speranze, sono arrivata fiduciosa, fantasticando che avrei trovato un lavoro decente.

Eppure, nonostante la conoscenza di 3 lingue, le lauree e le esperienze all’estero, dopo centinaia e centinaia di curriculum inviati e application compilate, tutto quello che sono riuscita a trovare sono stati due lavori in bakeries (bar/panetteria/pasticceria), per 6 mesi alla volta e un posto come insegnante di italiano e francese in una scuola privata di lingue per altri 6 mesi.

La University of Sydney è l'università più antica d'Australia

La University of Sydney è l’università più antica d’Australia e oggi conta più di 50.000 studenti

Così, dopo circa un anno e mezzo dal mio arrivo in Australia, stanca e amareggiata dall’assenza di reali possibilità lavorative, soprattutto nel mio campo di studio, ho deciso di tentare la strada della ricerca. Perché se è pur vero che i lavori in ristorazioni mi hanno permesso di vivere e mantenermi, è altrettanto vero che non sono venuta in Australia per fare questo.

Avendo già completato una laurea specialistica in Italia, ho deciso di fare il passo successivo e provare con un dottorato di ricerca. Nel mondo anglosassone questo titolo di studio è molto più ricercato e prestigioso. Il che forse ne spiega il costo: per gli studenti stranieri, un anno di dottorato presso l’University of Sydney costa la bellezza di 33.000$. E il dottorato ne dura almeno 3 di anni! Per fortuna ho vinto una borsa di studio all’University of Sydney che mi ha evitato di sborsare quella cifra enorme… e mi ha permesso di avere anche uno “stipendio” settimanale per le spese quotidiane.

E così 3 anni e mezzo fa ho cominciato il mio dottorato in Giurisprudenza, sul tema dei bambini soldato, un argomento delicato e ambizioso, ma che mi appassiona molto da quando ho affrontato la questione per la tesi di specialistica. Mi appassiona molto l’ambito dei diritti dei minori e spero che questa nuova esperienza di permetta di entrare in quel mondo e fare qualcosa di concreto per garantire un futuro migliore a quanti più bambini possibile.
image.adapt.1663.medium
La vita da ricercatrice però non si è rivelata tutta rose e fiori: passo le mie giornate da sola, a casa, a leggere e scrivere. Il che può essere davvero alienante, soprattutto considerando che questa sarà la mia vita per 3 anni. Comunque sia, ho la soddisfazione, in poco più di due anni, di essere passata dal preparare il caffè e servire il pane, dallo spazzare per terra e insegnare l’italiano, a fare ricerca in un’ottima Università con un contratto di almeno 3 anni.

Sono ormai 4 anni che chiamo Australia “casa”, e dopo tutto questo tempo il mio bilancio è sicuramente positivo. L’Australia, però, non è il paradiso terrestre. Può diventarlo: è un Paese che offre tantissimo a chi se lo merita, a chi lavora sodo, a chi si adatta, a chi apre la mente e il cuore a tutto quello che questa nazione ha da dare. Ma non regala niente.

Un consiglio a chi pensa di fare un’esperienza in Australia: siate pronti a qualsiasi tipo di lavoro, siate umili e flessibili. Se volete farcela in Australia, un modo lo troverete, ma ricordatevi che non esistono scorciatoie: non siamo in Italia. Un saluto a chi sa reinventarsi.

Annunci

2 Responses to “Un modo diverso per trasferirsi in Australia? Tramite l’università”

  1. Sara Borghi says:

    Ciao Claudia, grazie mille per avere condiviso la tua esperienza! 🙂 sei davvero in gamba! Colgo anche l’occasione per segnalare una guida che ho pubblicato recentemente in formato e-book per giovani italiani che vogliono trasferirsi in Australia. Si chiama ‘Australia In Testa’.

    Sul sito ufficiale potete trovare maggiori info:

    http://www.australiaintesta.com.

    Grazie mille 🙂

    Sara

    Mi piace

  2. Claudia says:

    Ciao Sara, grazie mille. Corro a dare un’occhiata alla tua guida allora 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: